Pi greco Day 2017

Martedì e giovedì 14 e 16 marzo il nostro Istituto ha celebrato il Pi Greco Day per rendere omaggio allo scienziato e matematico  Archimede. Gli alunni dell'Infanzia, della Primaria e della Secondaria di 1° grado, sono stati coinvolti in attività di drammatizzazione, artistiche, espressive, di laboratorio (come da programma allegato) che hanno richiamato la storia, gli esperimenti e le invenzioni del grande matematico siracusano. Alle attività hanno collaborato genitori, nonni o esperti del settore.  

La Scuola “Costanzo” ha festeggiato la “Settimana archimedea”,con un susseguirsi di iniziative ed appuntamenti imperdibili. I tre ordini di scuola, con la loro partecipazione ed il loro impegno, hanno dato prova di vivere appieno il principio ispiratore della nostra scuola “Insieme siamo scuola”, che non è un semplice slogan che ci contraddistingue in ogni occasione, ma è la spinta, quella marcia in più che ci fa portare a frutto tutti i nostri lavori e tutte le nostre iniziative. Archimede, inventore geniale, è stato ricordato da tutti: dai piccoli con girotondi di spirale, dai grandi con canti, aneddoti, curiosità e  con esperimenti scientifici relativi al galleggiamento dei corpi, al principio dei vasi comunicanti e tanti altri e poi ancora esperimenti di Botanica e Genetica. Sorprendente la realizzazione della struttura del DNA e di altri marchingegni come i colori della luce e della vite o coclea. Esperienze significative come la formazione di fiocchi di neve e l’apertura dei petali dei fiori di carta, immersi nell’acqua, hanno colto di sorpresa bambini ed anche adulti. Altre iniziative, che hanno catalizzato l’attenzione di tutti, sono state soprattutto la recita di “Archimede show”, “L’Ora di Archimede” in sala informatica e  “La gara di Stomachion”. Link del Gioco stomachion https://scratch.mit.edu/projects/149921370/

Gli alunni, che si sono cimentati in questa sfida, cioè nell’assemblare nel minor tempo possibile 14 tessere per realizzare il quadrato, hanno ricevuto un attestato di partecipazione. I cartelloni lungo i corridoi e nell’androne hanno fatto da sfondo al Pi Greco Day, giornata di scambio e arricchimento culturale per tutti e occasione per poter dire con convinzione “Eureka”.

In occasione delle Giornate archimedee venti bimbi, anzi venti bimbi attori e protagonisti hanno realizzato, coadiuvati dagli insegnanti di classe, una rappresentazione teatrale. La III B della scuola primaria ha presentato “Archimede Show”, una spiritosa parodia, ma anche un pezzo di vita del nostro genio siracusano, esagerando nelle interpretazioni e con un linguaggio spiritoso e colorito  intercalato  talvolta da termini in vernacolo. Gli alunni si sono esibiti mostrando spontaneità  e spiccata naturalezza. Il role playing ha avuto diverse finalità, quali l'accrescimento della propria autostima, la collaborazione tra compagni, lo sviluppo della creatività, il rispetto delle regole, spirito di adattamento, sperimentazione di nuovi atteggiamenti, superamento di ansie e conflitti. Una palestra emotiva che ha sviluppato nuovi punti di vista, rendendo ogni alunno consapevole del proprio cambiamento.

Per le celebrazioni della “Settimana Archimedea” gli alunni della sezione ottava della Scuola dell’infanzia , si sono impegnati nella realizzazione del cartellone “Gli specchi ustori”. Dapprima i piccoli alunni hanno ascoltato il racconto che ha messo in evidenza la figura di Archimede, grande inventore siracusano che attraverso una serie specchi riuscì a concentrare i raggi del sole facendoli convergere in un unico punto e riuscendo a bruciare le navi romane. Con l’aiuto di una lente d’ingrandimento è stata fatta anche vedere la possibilità di riflettere i raggi solari. I piccoli hanno fatta propria l’espressione “Eureka” divertendosi a mimarla. E' stata poi, mostrata l’immagine da colorare sul cartellone spiegandone ogni particolare. Tutti i bambini si sono impegnati nella coloritura usando in particolare la tempera secca che, avendo la forma di una colla stick, ha consentito loro di colorare anche con movimenti rotatori. Così è stato possibile colorare il mare come se fosse in movimento e realizzare la cresta delle onde e le fiamme. Infine i più grandicelli di quattro e cinque anni hanno copiato le parole chiave della storia.

Link del Gioco stomachion
https://scratch.mit.edu/projects/149921370/

Recensioni in allegato: Siracusa Oggi - SiracusaTimes